Anatomia di un ritorno flash da 72%

dollaroSì, sono un investitore di lungo termine, e sì non ho cambiato niente nel mio progetto di accumulare un milione di dollari. Sottolineo spesso l’importanza di tenere orizzonti lunghi per mediare quello che è il rumore di fondo nella fluttuazione dei prezzi. Sottolineo anche l’importanza di avere flussi di entrate diversi che dipendono il meno possibile da un lavoro attivo. Le entrate definite come passive sono quelle che danno le più grandi soddisfazioni. Detto questo vado a raccontare un esperimento positivo appena fatto che andrà ad aggiungere 400 dollari al cash flow del mese di Dicembre.

COME SFRUTTARE LE CORREZIONI: ho speso tanto tempo nello studiare i movimenti storici delle borse da un punto di vista prettamente empirico e statistico ed ho parlato di rischi e probabilità in un post precedente.

Partendo dal presupposto che correzioni superiori al -10% hanno la probabilità di ripetersi non più di una volta all’anno ed eventuali eventi negativi maggiori hanno un livello assai più improbabile di verificarsi, ho deciso di testare un approccio sistematico che sfrutta questa semplice base teorica. Scelgo un indice ed ogni volta che il mercato scende più del 5% compro. Appena risale vendo.

Compro però in modo aggressivo con una leva 1:15 sfruttando movimenti di qualche punto percentuale. Esistono certificati che permettono di comprare contratti basati su indici o azioni o qualunque altro asset sottostante. Sono diversi dalle opzioni. In questi contratti o certificati non ci sono limiti di tempo. Cioè puoi stare investito a lungo senza perdere valore in funzione del tempo.Come regola di gestione del rischio mi sono dato che questo tipo di investimento non deve essere mai maggiore del 1% del totale dei miei asset. Qundi 2000 $ e’ il massimo che potevo permettermi di perdere (ai primi di ottobre), se le cose non fossero andate come ho previsto ( nel classico caso dell’eccezione che conferma la regola!)

Così ho fatto: ho acquistato in un conto on line che ho in una banca scandinava, 370 certificati BULL OMX x15 cioè 370 certificati basati sull’indice principale di Svezia OMX30 che racchiude le 30 azioni a maggior capitalizzazione e con una leva finanziaria di 15 volte. Ho comprato quando il mercato aveva corretto del 6% dal suo massimo. Prezzo di acquisto 41.77 corone svedesi per certificato. Investimento totale 15128 corone svedesi = 2032$

Naturalmente non sapevo se il mercato avrebbe invertito o continuato giu’ di un altro 10 o 20 %, ma come detto le probabilità pesavano fortemente per il ritornare a salire.

La cosa che sapevo era esattamente il massimo che avrei potuto perdere e quante volte in un anno il mercato corregge del 5% e del 10% statisticamente.

Ovviamente, come spesso succede il mercato e’ sceso ancora di qualche punto percentuale che pero’ in leva 15 a portato i prezzi dei certificati ad un minimo di 8 corone. Il mio investimento dopo una settimana valeva l’ 60% in meno. In termini pero’ di impatto sui miei asset totali era una flessione minima di meno dello 0.6% . Accettabile, e gestibile. Niente panico niente disperazione. Comunque erano perdite virtuali, non prese, quindi non reali. Potevo permettermi di aspettare ancora.

Quando il mercato ha corretto del 8/9%, indovinate cosa e’ successo? E’ tornato a salire per 6 settimane di fila. Quando ho visto che il trend era in salita allora ho aggiunto nuove posizioni sulla strada. Quando ho raggiunto un profitto del tra il 70 e l’80% ed i prezzi erano vicini a 70 corone ho venduto un primo lotto di certificati e poi un secondo ad un prezzo ancora più’ alto.

Risultato: investitimento totale 17336 corone, rivenduti per 32421corone. Guadagno secco di 15085 corone (prima delle spese) ovvero 2026$!! Dopo tutto un quasi 72%!

Ho deciso di prendere 400$ di questo profitto ed aggiungerlo come entrata extra al prossimo cash flow di dicembre. Destinazione d’uso: investimento di lungo termine che genera dividendi.

Il restante verrà in parte utilizzato per alcune piccole spese ed in parte rimpolperà il conto destinato a questo tipo di speculazione semi attiva. Adesso si tratta di aspettare la prossima correzione da 5/6% e ripetere l’operazione.

Questa è l’anatomia di come nuovi profitti generano altri profitti in modo crescente e stabile. Le probabilità che storicamente il mercato continui a scendere molto, dopo un ritracciamento del 5,6,7% sono molto basse. Sono eventi che si possono ripetere ogni qualche anno. Naturalmente poteva anche andare male e potevo perdere tutto in questo investimento. Quello che mi salva in queste circostanze e’ proprio il proporzionare il rischio generale commisurandolo al totale degli asset che possiedo e gestisco. Regola dell’ 1 %. Più’ il rischio e’ alto meno capitale investo. Un percento e’ una zona per me confortevole, oltre comincio a non stare bene.

Per molti la tentazione è di usare tutto il capitale in questo tipo di speculazione. Ma chi può sapere se questa è una di quelle rare volte che il mercato scende tanto? Certo avrei potuto passare nello stesso arco di tempo di qualche settimana da 185000 di asset a oltre 300000$. Eccitante vero? Ma come vi sareste sentiti durante la discesa in cui tutto il vostro avere valeva per alcuni giorni solo 37000$…. Avreste probabilmente venduto in panico! Quindi non fatelo. Non vi riprendereste tanto in fretta dallo shock. Questo è il vero motivo perché è tanta la gente che perde soldi invece di farli. In borsa il 10% della gente guadagna perché gestisce il rischio mentre il 90% è seduto al casinò.

Scegliete voi chi volete essere e poi fate il vostro gioco!!

Francesco DeMaria
www.partitodazero.com

Lascia un Commento